Troppi oneri e pochi onori?

E’ un servizio di ristorazione o di refezione scolastica quello che ci dai?

Perché per Servizio si dovrebbe intendere per tutti, Belli e brutti, Pochi e tanti! Intolleranti onnivori vegetariani vegani celiaci.

Il Comune quindi dovrebbe decidersi, da che parte stai?! Non è destra o sinistra la risposta.

Stai dalla parte dei commercianti, che basano la propria attività sullo scambio di beni o servizi in cambio di moneta, su cui si fonda il sistema economico moderno.

Oppure stai dalla parte della comunità, che rappresenti e che dovrebbe ricevere appunto da te un servizio: etico di altissima qualità e uguale per tutti.

La definizione de “La ristorazione scolastica”: In Italia le prime mense scolastiche furono organizzate nelle scuole elementari per aiutare i bambini delle famiglie meno agiate (patronato scolastico); nel tempo, la refezione scolastica si è potenziata e oggi questo servizio viene offerto a tutti i ragazzi che frequentano la scuola dell’obbligo, dalla materna, all’elementare, alla media. Questo sistema è sovvenzionato dai comuni.

Quindi anche se era un solo  24% di presenza a scuola avresti dovuto garantire il servizio completo. Altrimenti dillo tu alle madri di quei figli che i loro figli sono di serie B-issima!

Chichi

No Comments

Post a Comment