Ma davvero pensate che sia colpa dell’Osservatorio? Siiiiiii!

Lettera ai genitori™ .

Davvero pensate che quei davvero-troppo-pochi-genitori che si occupano di quella faccenda del miglioramento della mensa scolastica vogliamo impegnare e impiegare il loro tempo per fare in modo che le cose peggiorino?

Veramente pensate che le “Linee d’indirizzo per lo sviluppo del servizio di refezione scolastica” siano un mero-merito del Comune?

Veramente pensate che tutto quello che stà succedendo in città sia la farina del sacco del Comune?

– nell’attuale contratto il bio medio si è alzato dal 18% a oltre il 60% e andrà oltre 80% con nuovo bando

– riduzione surgelati nel nuovo bando

– sconto ulteriore per il comune in anno 2015-2016 di € 345.000

– installazione lavastoviglie per ridurre plastiche che rilasciano sostanze nocive e inquinano

– utile di 1,5 milioni di euro dei soci privati messo a riserva e quindi diviso a metà tra i soci…recupero di 600.000 € per Comune

– avvio da parte del Comune di percorso partecipato per la definizione della refezione scolastica

– sostituzione ricetta hamburgher con svizzera che ora è un successo

– creazione di molte CMS

Perché fare una società giusta costa fatica, il comune non è venuto a chiederci se volevamo una mensa che fa schifo, dei centri pasto che non funzionano, stoviglie di plastica per mangiare, menù che sembrano quelli regalati dentro i sacchetti delle patatine, qualità, trasparenza, controlli, tutto pare difficile e incomprensibile, ho detto impassibile nulla è impossibile e, se non lo comprende il Comune nella sua maestosa rappresentazione, l’unica cosa che ci rimane da fare è rimboccarci le maniche e capire, lottare, provare a fare, cambiare le cose, ognuno il suo e ognuno nel suo piccolo. Siamo tutti nella stessa barca e dovremmo essere tutti per uno e non tutti contro tutti. Sono davvero pochi quelli che si trovano e fanno, rispettano orari da serata in discoteca, ma lo fanno perché ci credono, per il bene di tutti, per parlare, discutere, ragionare, redigere. Ripetere!

Quindi, anche la possibilità di poter portare un pasto da casa, che rispetti altissimi criteri di qualità, è solo un altro modo per fare il nostro meglio per i nostri figli e per far sentire la nostra voce. E se non bastasse ancora excuse moi… excuse moi… excuse moi…(sto diventando labanthiana).

Chichi

No Comments

Post a Comment