Cosa sono io?

Dalle 7 alle 9 sono una mamma che si sveglia con difficoltà, che prepara tutto e tutti.

Dalle 9 alle 13 sono una Cristina, ovunque e comunque.

Dalle 13 alle 16 sono ancora Cristina-ma-versione-a-casa.

Dalle 16 alle 21 sono di nuovo una mamma, brava, che sbaglia, serena, sclerata, accaldata, di corsa, solitaria, chiacchierona.

Dalle 21 alle 24 ritorno ad essere di nuovo me stessa, stanca ma trovo ancora qualcosa.

Dalle 00 alle 7 c’è solo la verità che ha bisogno di molto, molto spazio. Dormo.

Non mi sono fatta molto amici a Bologna. È dura x una ragazza di 35 anni suonati cambiare tutto in un colpo: essere in coppia, aspettare il primo figlio, andare a convivere, cambiare città, avendo un macigno posato su ogni piede! Passare dal piccolo al grande. Da sempre il solito, non cambia mai niente, solite facce, stessi giri, non si esce mai dalla città che diventa fortezza, per proteggerti ti impedisce di vedere, a tutto nuovo. Dal Veneto chiuso e bacchettone all’Emilia campionessa di integralismo e aperture di ogni genere. Prima la mia incostanza, poi essere vegetariana e l’osservatorio, infine questa storia degli ossiuri mi ha definitivamente tagliata fuori dalla possibilità di farmi nuove amicizie a scuola. Ecco ci provo ma mi smascherano subito, non ce la faccio ad essere troppo diversa da quella che in fondo sono, vestita da paura contro ogni pronostico (magari), un pò stronza (mi scambiano per qualcun altro), distaccata da tutto (sembra).

In quanto a diplomazia sto a zero quindi se si dovesse liberare Largo Diplomatico proprio non pensate a me!

In fondo non ce la possiamo mica prendere con la città, ma tuttal’più con la ragazza.

Chichi

No Comments

Post a Comment